CIV Superbike – Intervista doppia: Ivan Goi vs Matteo Baiocco. Il duro mestiere del pilota
14 Ottobre 2014 - 10:00
|




Sarà soltanto l’appuntamento conclusivo del Campionato Italiano Velocità al Mugello, in programma il 19 ottobre prossimo, a proclamare il Campione 2014 del CIV Superbike. Una sfida equilibrata tra due grandi uomini; due ragazzi che si presentano in griglia di partenza uniti dalla stessa passione ma che affrontano le corse, così come la vita, in maniera diversa. Stiamo parlando di Ivan Goi e Matteo Baiocco, divisi da 14 lunghezze in Campionato ma accomunati dal correre con la stessa moto, la Ducati 1199 Panigale R. Se le rispettive squadre di appartenenza sono diverse, il Barni Racing Team per il lombardo e il Team Grandi Corse by A.P. Racing per il marchigiano, anche l’approccio alle corse dei due piloti è dissimile. Per scoprire “chi sono” quando indossano la tuta, abbiamo realizzato questa ‘intervista doppia’ con Ivan Goi e Matteo Baiocco facendoci raccontare il duro mestiere del pilota.

Le moto sono un’emozione fortissima, le corse ancora di più. Secondo te qual è il momento più importante in un weekend di gare, quello in cui hai bisogno di più autocontrollo e concentrazione?

GOI2GOI – La a partenza. Il livello del Campionato è molto alto e tanti piloti vanno forte; se non parti bene, ed in buona posizione, rischi di compromettere tutta la gara.

BAIOXBAIOX – Credo che in un weekend di gara tutte le sessioni abbiano la stessa importanza. Tutto si compone man mano, turno dopo turno, per poi concretizzare il risultato in gara. Ogni sessione serve a creare un fine settimana positivo.

_BON9953Mentalmente quanto tempo ti occorre per prepararti a disputare una gara?

GOI2GOI – In genere mi bastano quei 5-10 minuti prima che la corsia box sia aperta per andare in griglia a schierarsi, quando sono all’interno del box.

BAIOXBAIOX –  Poco. Rimango fino a circa 30 minuti prima della gara o del turno di prove assieme al mio gruppo di lavoro; questo aiuta ad avere la situazione il più possibile sotto controllo grazie alla conoscenza delle scelte fatte al box.

Mentre stai indossando la tuta e ti prepari a prendere il via di una gara quali sensazioni provi?

GOI2GOI – Se già dalle prove sai che tutto è a posto che hai fatto dei buoni long run, allora sei più tranquillo e hai anche voglia di scherzare con i meccanici. Se c’è qualcosa che non quadra a volte succede che ti metti in un angolo più silenzioso.

BAIOXBAIOX – Provo esattamente la stessa emozione che provavo 15 anni fa quando ho iniziato a correre in minimoto. Forse ora controllo meglio le mie emozioni ma quella scarica di adrenalina che ti arriva prima del via credo sia alla base di tutto. Quando non proverò più nulla di simile allora smetterò di correre.

GIL_9101Ti capita di chiudere gli occhi e visualizzare da che parte andranno gli avversari quando si spegnerà il semaforo?

GOI2GOI – No. Magari cerco di pensare dove andrò io ma non gli altri. Puoi pensare ad una traiettoria dove puoi spostarti ma poi cambia tutto in un attimo perché se c’è qualcuno davanti devi fare una nuova strategia.

BAIOXBAIOX – No, mai. Perché puntualmente in gara capita il contrario di ciò che ti eri immaginato.

In griglia di partenza preferisci restare solo o vuoi avere qualcuno accanto?

GOI2GOI – In genere ci sono i miei meccanici con cui scambio due battute in tranquillità. Quando è presente in autodromo c’è la mia compagna, oppure un amico. E’ una fase che mi permette di alleggerire un pò la tensione della gara.

BAIOXBAIOX – In griglia ho sempre con me la mia compagna Veronica o il mio meccanico. Ogni volta ci salutiamo con lo stesso rituale.

BON9809La partenza o la prima curva. Qual è il momento che preferisci?

GOI2GOI – Sicuramente la prima curva è la fase più pericola perché si passa da un’alta velocità ad una bassa e si è tutti vicini. La partenza è più emozionante.

BAIOXBAIOX– Il momento migliore è quando rimaniamo da soli ed i meccanici escono dalla griglia di partenza. Da quel momento la palla passa in mano mia ed è un’emozione fortissima.

Primo giro, sei nel gruppo: “Calma, vediamo come va” o “Spacco tutto ma devo superarli!”?

GOI2GOI – Vorresti superarli tutti ma forse è meglio non rischiare troppo. La gara non si vince al primo giro. Tutti hanno le gomme fresche e quindi si cerca di tirare un pò di più le staccate, questo perché senti l’avversario vicino e vuoi mantenere la posizione. Bisogna stare attenti anche se l’approccio varia da pista a pista, in base alla loro conformazione.

BAIOXBAIOX – Dipende dalle situazioni… A volte conviene fare una cosa, a volte un’altra ma spesso non dipende solo da te: siamo 30 in griglia…

BON9873Quali sensazioni hai quando corri?

GOI2GOI – Se va tutto bene ti diverti, se hai dei problemi e devi arrancare sei più rigido ed in tensione.

BAIOXBAOIX – Corro ormai da qualche anno e le emozioni le provi prima o dopo la gara! Durante la corsa le uniche cose che penso è fare al meglio quello che sto facendo.

Cosa provi quando superi un avversario?

GOI2GOI – Soddisfazione. Nel momento in cui hai realizzato il sorpasso pensi: “Guarda qua! Visto che vado più forte di te!”. E’ la soddisfazione propria di questo sport, come può essere un goal nel calcio o una risposta vincente sul lungo linea nel tennis.

BAIOXBAIOX – Sono fasi di gara ed è uno dei momenti che la compongono; non provo niente di particolare. Cerco di rimanere concentrato nella guida e basta, sperando di provare belle emozioni a fine corsa.

BON0064…e quando ti sorpassano?

GOI2GOI – Dici: “Oh, “accidenti”, vado così piano?”. Credevi di andare al massimo e invece pensi che stai andando veramente piano.

BAIOXBAIOX – “Bastardo!”

Hai vinto una gara in volata combattuta fin sotto la bandiera a scacchi. Dopo quanto tempo riesci a scaricare tutta l’adrenalina e la tensione accumulata?

GOI2GOI – Penso a quello che ho fatto più nel dopogara, quando scendo dal podio. Nell’immediato sai che hai vinto ma rivivi solo l’attimo finale del traguardo mentre più tardi ripercorri anche i sorpassi che hai fatto, le staccate ed i giri veloci. Dopo te la gusti di più e pian piano scarichi l’adrenalina.

BAIOXBAIOX – Dopo la gara spesso faccio fatica a dormire perché le emozioni della corse sono così forti che l’adrenalina ha bisogno di parecchio tempo per essere scaricata. La mattina dopo però è tutto ok.

GIL_9006Ti capita mai di rivedere le tue gare?

GOI2GOI – Sì, le guardo la domenica sera o non appena faccio ritorno a casa.

BAIOXBAIOX – Cerco sempre di rivederle, anche più volte. Mi piace capire come poter migliorare. Non vedo solo le gare in cui corro ma mi soffermo anche sulle altre categorie e sullo sport in generale!

Foto: Andrea Bonora e Micaela Naldi



Non ci sono commenti