Altra doppietta Toyota nelle qualifiche di Shanghai ma la Rebellion è ad un soffio
17 Novembre 2018 - 8:16
|
Kobayashi-Conway piazzano il colpaccio ma grande giro di Lotterer che ha rischiato di beffare Alonso. Doppietta Jackie Chan in LMP2




Per la prima volta in questa Superstagione del FIA WEC si è assistito ad una qualifica davvero tirata ed incerta fino alla fine. Al termine dei venti minuti previsti per i prototipi il risultato è stato comunque il solito, con le Toyota che hanno monopolizzato la prima fila dello schieramento per la quinta volta consecutiva. In pole position scatteranno Conway-Kobayashi-Lopez sulla TS050 Hybrid #7, sempre che non vengano squalificati come già avvenuto dopo che avevano ottenuto il miglior tempo a Spa ed al Fuji. Il giapponese si è dimostrato ancora una volta un incredibile interprete di questa pista, girando in 1’42”708. Leggermente più lento Mike Conway, ma il tempo del britannico è stato comunque sufficiente per la Toyota a staccare la pole con un tempo medio di 1’42”931. Ad un paio di decimi di ritardo la gemella #8, che ha visto impegnati in qualifica Alonso e Nakajima. Lo spagnolo ha faticato più del dovuto specie nel primo stint, mentre nel secondo si è migliorato ma non quanto Kamui.

Chi può essere bello soddisfatto in questa qualifica è senza dubbio il team Rebellion Racing, con la vettura #1 di Senna-Lotterer-Jani che scatterà con il terzo tempo. Più che la posizione, è il distacco dalla pole ad impressionare. Il tempo medio di 1’43”218 ha portato la vettura elvetica ad appena 287 millesimi dalla Toyota di testa e a soli 59 da quella in seconda piazza. La Rebellion si era dimostrata veloce già nelle terze libere, quando aveva piazzato una brillante doppietta ma nessuno si attendeva una tale velocità anche nelle prove. Basta pensare che Andrè Lotterer, nel proprio giro migliore ha girato in 1’42”869 risultando il secondo più veloce in pista dietro Kobayashi, facendo molto meglio di Alonso. Quarta posizione per la SMP Racing #17 di Orudzhev-Sarrazin, che si è presa quasi un secondo dalla pole. Quinta l’altra Rebellion, la #3 di Beche-Laurent-Menezes che ha comunque deluso le aspettative visto il divario dai compagni di squadra. Sesta la BR1 Gibson #10 della DragonSpeed, seguita l’altra BR1 AER del team russo, la #11 dove corre Jenson Button. Chiude la LMP1 la lentissima Bykolles #4 di Dillmann-Webb-Rossiter.

In classe LMP2 ancora una volta è stata doppietta per il Jackie Chan DC Racing, che dopo Le Mans non ha sbagliato più un colpo. In pole position l’Oreca 07 Gibson #38 di Tung-Aubry-Richelmi, rivelatasi la più veloce con il tempo medio di 1’48”888. Alle sue spalle la gemella #37 di Jeffri-Jaafar-Tan con un paio di decimi di ritardo dai compagni di squadra. Al terzo posto la DragonSpeed #31 di Maldonado-Gonzales-Davidson, mentre la seconda fila è stata completata dall’Alpine #36 di Negrao-Lapierre-Thiriet. Importante la differenza che hanno fatto le prime due vetture: la terza classificata ha infatti accusato un ritardo di un secondo dalla vetta, segno della netta progressione messa in atto dal team cinese che gioca in casa.

La gara scatterà domani alle 4 del mattino per concludersi alle ore 10.

Non ci sono commenti