Dichiarazioni Ferrari – Leclerc: “Soddisfatto del risultato”. Vettel: “Non avevo confidenza con la vettura”
13 Luglio 2019 - 20:44
|
GP Gran Bretagna




Charles Leclerc ha mancato la pole position al Gran Premio di Gran Bretagna per soli 79 millesimi. Una qualifica positiva quella della Ferrari se si guarda dal lato box del monegasco. Meno felice per quanto riguarda Sebastian Vettel, che invece ha pagato 7 decimi dalla pole e domani partirà sesto.

“Sono soddisfatto del risultato di oggi perché credo che siamo riusciti a tirare fuori il massimo dalla nostra vettura su questo circuito. – ha commentato Charles LeclercAll’inizio del weekend abbiamo faticato parecchio, specialmente con le gomme anteriori, ma oggi le cose sono andate molto meglio.”

Il monegasco ha spiegato il motivo per cui ha deciso di qualificarsi al Q3 usando le gomme morbide: “Per quanto riguarda la strategia, quella di partire con gomme Soft è stata una nostra decisione perché crediamo che quella sia la mescola migliore con la quale gestire le prime fasi della corsa. Le vetture davanti a noi avranno gomme Medium e magari potremo avere un inizio gara un po’ diverso dal solito. Inoltre il meteo e le mutevoli condizioni della pista potranno giocare un ruolo decisivo nel corso del Gran Premio. Credo che ci siano gli ingredienti per avere una corsa interessante domani”

“Questo weekend è stato fin qui caratterizzato da alti e bassi, e questo pomeriggio la tendenza si è confermata. – ha detto Sebastian VettelHo faticato a tirare fuori il meglio dalla vettura perché non riuscivo ad avere la giusta confidenza e non ero contento di come si comportava in pista.”

“Man mano che la qualifica è proseguita ho faticato ad avere ritmo nei giri lanciati. Tuttavia, guardando ai long run delle prove libere di questa mattina, devo dire che domani mi aspetto di essere più competitivo. Sembra che i nostri principali rivali saranno i favoriti e che noi potremo lottare con le Red Bull, ma vediamo che cosa succede domani in gara”.

Immagine in evidenza: © Scuderia Ferrari Media Press



Non ci sono commenti