Doppietta svizzera con Aegerter e Luthi a Misano. Morbidelli subito fuori
10 Settembre 2017 - 15:08
|
GP San Marino e Riviera di Rimini 2017
Come in Moto3, sono tante le cadute per via della forte pioggia caduta sul circuito romagnolo. Tanti gli italiani caduti, tra cui il leader della classifica iridata

Dominique Aegerter fa suo il Gran Premio di San Marino in una gara bagnata dalla forte pioggia. Tom Luthi (CarXpert Intewetten) è secondo e in chiave campionato beneficia del KO di Franco Morbidelli (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS), leader della classifica. La distanza tra di loro è adesso di nove punti. Terzo e a suo agio sull’acqua Hafizh ‘The Fish’ Syahrin (Petronas Receline Malaysia). mentre Francesco Bagnaia (Sky Racing Team VR46) tiene alto l’onore italiano nel GP di casa con il quarto posto.

Parte molto bene Morbidelli, che si pone al comando della corsa ma a mano 23 giri dalla fine la svolta. In ingresso alla curva otto perde l’anteriore e scivola. È costretto al ritiro e ad uno zero che pesa sulla classifica iridata. Avvio difficile dalla di Pasini che perde qualche posizione ma torna all’inseguimento della terza posizione prima di scivolare, dopo due giri, alla curva quattro. Stessa sorte qualche attimo dopo per Baldassarri per Luca Marini (Forward Racing), che cade alla curva sedici dopo un passaggio mentre, alla 5, termina la corsa di Andrea Locatelli (Italtrans Racing).

Dominique Aegerter resta attaccato al battistrada. Diventa primo quando Morbidelli è fuori gara e prova a condurre incalzato da Tom Luthi. Proprio questi resta ancorato al secondo posto. La sua gara sarà un’attesa dell’errore di Aegerter e la corsa diventa una sfida tra elvetici. Lotta che si che si accende con Luthi che ci prova ma il primo che si difende fino al successo. Il pilota del Kiefer Racing non vinceva dal Gran Premio di Germania del 2014 e non saliva sul podio dalla gara italiana del 2015 al Mugello.

Sfrutta le condizioni estreme di una pista battuta dalla pioggia Hafizh Syahrin (Petronas Receline Malaysia). Specialista della guida sul bagnato il malese resta vicino alle posizioni di testa per tutta la gara e sale sul podio al terzo posto. L’ultima volta che Syahrin ha chiuso nelle posizioni che contano è stato il suo GP di casa nel 2012

L’unico italiano a tagliare il traguardo è alla fine Francesco Bagnaia, pilota dello Sky Racing Team VR46. Pecco non sbaglia e per lui è il quarto posto, che diventa ottimo date le condizioni della gara. Delusioni invece per Simone Corsi (Speed Up Racing) che, nella top 5 fino alle ultime curve, è costretto al ritiro dopo una caduta.

Brad Binder, campione del mondo Moto3 e pilota Red Bull KTM Ajo, chiude le prime cinque posizioni mentre il suo compagno di box Miguel Oliveira perde alla lotteria di una pista insidiosa e finisce nella ghiaia alla curva 15.

Takaaki Nakagami, portacolori dell’Idemitsu Honda Team Asia e vincitore dell’ultimo GP a Silverstone, è undicesimo, mentre Stefano Manzi (Sky Racing Team VR46) e Alex De Angelis, tornato in Moto2 con i colori del team Dynavolt Intact GP come sostituto di Marcel Schrotter, sono fuori gara per caduta.

Immagine di copertina: Bonora Agency



Non ci sono commenti