Ducati | Dovizioso: “Vittoria davvero importante” – Petrucci: “Coinvolto nell’incidente di Crutchlow”
11 Agosto 2019 - 21:29
|
GP Austria
Le parole dei piloti Ducati al termine della gara di Spielberg




Una domenica dal gusto agrodolce per Ducati. Da un lato la clamorosa vittoria di Andrea Dovizioso all’ultimo giro; dall’altro la deludente prestazione di Danilo Petrucci. Dovizioso, al settimo cielo, analizza con la solita precisione la gara austriaca, sottolineando come un po’ di pazzia sia stata molto utile nel sorpasso decisivo: “Oggi sono davvero molto contento, perché questa vittoria era davvero importante per me. Verso fine gara avevo un buon grip a destra e questo mi ha consentito di tentare con successo quel sorpasso incredibile all’ultima curva. La mia strategia per la gara è stata quella di essere aggressivo fin dal primo giro, ma Marquez è stato più aggressivo di me. Lui ha provato da subito ad imporre il suo ritmo ma io gli ho sempre risposto e verso la fine credo che avesse le gomme più consumate delle mie per cui sono riuscito a restargli attaccato fino alla fine e ho tentato con successo quel sorpasso un po’ pazzo all’ultima curva. Voglio ringraziare la Ducati e la mia squadra perché oggi abbiamo fatto tutto in modo perfetto“.

© motogp.com

Petrucci, invece, non riesce nella rimonta prefissata, rimanendo anzi coinvolto negli incidenti dei primi giri, stressando infine la gomma: “È stata una gara complicata: purtroppo alla prima curva sono rimasto imbottigliato e poi dopo un paio di giri sono stato coinvolto nell’incidente di Crutchlow. Ho perso tantissime posizioni e ho dovuto rimontare, spingendo tanto sulle gomme e dopo metà gara non ne avevo più per risalire. Peccato perché è stata una occasione persa, soprattutto quando ieri ho fatto un errore in qualifica e questo ha compromesso tutto il mio weekend. Mi dispiace molto per la squadra che ha lavorato impegnandosi al massimo: adesso dobbiamo fare un reset dopo queste due gare e guardare avanti in modo positivo a Silverstone“.

Immagine in evidenza: © motogp.com



Non ci sono commenti