F2, de Vries domina una Gara-1 al limite dell’assurdo
24 Maggio 2019 - 15:40
|
L'olandese, partito dalla pole, controlla la gara e vince davanti a Ghiotto e Matsushita dopo una bandiera rossa causata da Schumacher

Nel Principato la tradizione conta molto, ed infatti, ancora una volta, il pilota che parte dalla pole position vince. Anzi, nel caso di Nick de Vries, domina dal primo all’ultimo giro. L’olandese si aggiudica Gara-1 davanti a Luca Ghiotto e Nobuharu Matsushita, agguantando il secondo posto nel mondiale dietro a Latifi, oggi autore di una prova estremamente in ombra, conclusa mestamente fuori dalle posizioni che contano e con uno 0 in classfica che pesa e peserà nell’economia di un campionato che va definendo i propri equilibri weekend dopo weekend.

Ancora una volta, come da tradizione, il GP si presenta molto soporifero nelle prime tornate, fin quando Mick Schumacher e Latifi cambiano gli pneumatici e rientrano attaccati: a questo punto, prima stupidata del pilota canadese, che al tornantino centra in pieno il giovane tedesco provocandone il testacoda. Da qui in poi il caos. Mick riparte dietro a Tatiana Calderon e tenta di passare alla Rascasse, cogliendo di sorpresa la colombiana che viene presa in pieno e si ferma a centro curva, creando un trenino con tutte le macchine in pista ferme. Bandiera rossa e ripartenza dai box dietro Safety Car dopo una buona mezz’ora.

Ecco, il vero casino viene creato proprio in questo momento dalla direzione di gara: nelle prime 8 posizioni nessuno era rientrato per cambiare gli pneumatici, questo in teoria doveva suggerire che il vantaggio accumulato sarebbe stato, di logica, azzerato, ma in realtà è stato deciso di dare ai piloti dalla nona posizione in poi un giro di ritardo proprio a causa della bandiera rossa, che non ha permesso a queste vetture di passare la linea del traguardo completando, appunto, il giro 20.

Quindi? Si riparte dietro SC, ma non viene permesso ai suddetti piloti di sdoppiarsi, come succede di norma, scavalcando il gruppo e riaccodandsi in seguito. Partono le polemiche, la situazione è difficile da interpretare, fin quando anche dalla race direction non arriva una comunicazione: tutto questo susseguirsi di eventi verrà ridiscusso al termine della gara. Ad ora però nessuno si è pronunciato e sembra che la classifica finale non verrà cambiata.

Due doverose menzioni d’onore: una per i commisari, velocissimi come sempre a spostare tutte le macchine rimaste ferme dalle piscine alla Rascasse fino ai box, la seconda per il pilota indiano Raghunathan che, da doppiato, decide di tamponare il povero Aitken al tornantino quando mancavano due giri alla fine, facendo terminare la gara dietro alla Safety Car. La domanda sorge spontanea: ma questo qui, esattamente, in F2 cosa ci sta a fare?

Di seguito la classifica completa di Gara-1:

Formula 2 / Official Twitter

Immagine in evidenza: © Formula 2 / Official Twitter



Non ci sono commenti