F2, Latifi torna alla vittoria davanti a de Vries ed Aitken
03 Agosto 2019 - 14:08
|
Il canadese della DAMS domina Gara-1 e si rilancia nella corsa al titolo; sul podio de Vries ed Aitken, autore di un'ottima rimonta

Si riaccende la corsa al titolo mondiale di Formula 2. Nicholas Latifi, autore di una splendida gara di totale gestione, si aggiudica la Feature Race in Ungheria davanti a Nick de Vries e Jack Aitken, tornando alla vittoria dopo il GP di Spagna e riducendo il distacco proprio su de Vries, che sembrava lanciatissimo verso una fuga solitaria dopo la pole sul bagnato di ieri.

Il canadese, complice una splendida partenza, si prende la testa della corsa già nelle prime battute e scappa via fino alla girandola dei pit: penalizzato dal rientro posticipato, Latifi ha resisitito agli attacchi (blandi, a dire il vero) di de Vries fino alla bandiera a scacchi. Dietro questa coppia, un generoso Aitken conquista il podio grazie anche in questo caso ad un ottima partenza e ad una gestione gomme perfetta, che l’ha visto uscire vincitore dal duello con Schumacher e Ghiotto nelle fasi di pit stop.

Proprio Ghiotto, che partiva dalla seconda posizione, non è riuscito a trovare ritmo ed ha faticato per tutta la gara, concludendo in sesta posizione e perdendo un’altra occasione per provare quantomeno a ridurre il gap con il leader del mondiale de Vries.

Anche Mick Schumacher, dopo l’ottima qualifica di ieri (quarto, ndr), non è riuscito a replicare in gara e si è dovuto accontentare dell’ottava posizione che gli permetterà di partire davanti a tutti nella Sprint Race di domani.

Nota di merito per Sette Camara, autore di molti sorpassi e quarto al termine della gara, e Matsushita, partito ottavo e quinto al traguardo.

Ora la classifica vede sempre de Vries in testa, ma con un vantaggio di soli 28 punti su Latifi. Più staccati invece Sette Camara, Ghiotto ed Aitken, rispettivamente a 59, 62 e 64 punti dall’olandese della ART.

Questa la classifica completa di Gara-1:

Formula 2 / Official Twitter

Immagine in evidenza: © DAMS Racing / Official Twitter



Non ci sono commenti