Ferrari | Vettel: “Gara deludente. Speravamo di essere più veloci”. Leclerc: “Gara complicata, ma abbiamo raccolto dati”
12 Maggio 2019 - 20:58
|
GP Spagna




Un inaspettato quanto deludente quarto e quinto posto è quanto la Ferrari è riuscita a raccogliere nel Gran Premio di Spagna con Sebastian Vettel e Charles Leclerc. Dopo una qualifica con distacchi enormi dalla Mercedes (866 millesimi il gap tra Bottas e Vettel, ndr), la gara della Rossa ha visto una buona partenza di Vettel che ha tentato di portarsi al comando della gara in curva 1, andando però a spiattellare la gomma e compromettendo il primo stint. I due piloti della Scuderia di Maranello hanno corso l’uno al fianco all’altro, sfidandosi per un quarto posto amaro e insoddisfacente, considerando che la Red Bull con Max Verstappen ha guadagnato l’ultimo gradino del podio disponibile.

“Oggi abbiamo più o meno ottenuto il massimo che si poteva. È stata ovviamente una gara deludente per noi perché speravamo di essere molto più veloci. – ha affermato Sebastian Vettel al termine della gara – Alla partenza ho provato ad attaccare le macchine davanti, ma ho spiattellato una gomma e ho compromesso la mia gara. Non si vince la gara alla prima curva, lo so, ma ho pensato che almeno potevamo rimescolare le cose con la Mercedes ed essere più in lotta con tutti. Per il resto Charles ed io abbiamo cercato di non intralciarci e di collaborare il più possibile. Siamo ancora all’inizio della stagione e affrontiamo gara per gara, ma penso che possiamo solo migliorare da dove siamo ora. So che tutta la squadra sta lavorando a testa bassa”.

Tante sono le difficoltà riscontrate anche da Charles Leclerc, che ha modificato la sua strategia, inizialmente a una sosta. Il monegasco ha così commentato: “Questa gara è stata piuttosto complicata per noi. Nel complesso il primo stint è stato positivo per me, poi le cose si sono fatte più difficili. Abbiamo tentato una strategia che ci permettesse di fare la gara con una sola sosta montando gomme dure ma con l’ingresso della Safety Car abbiamo capito che saremmo stati in difficoltà al restart e ci siamo fermati per montare un set di medie. Sia nel secondo che nel terzo stint ho faticato e ho perso un po’ del feeling che avevo con la vettura. Credo che abbiamo parecchio lavoro da fare davanti a noi, ma questo non ci spaventa: siamo pronti a spingere al massimo per recuperare il gap dai nostri rivali. In questo fine settimana abbiamo raccolto molti dati che ci torneranno utili e altrettanto faremo nei prossimi giorni, ai test”.

“È stata una gara ancora ben al di sotto delle nostre aspettative. – le parole del Team Principal e Direttore Tecnico Mattia Binotto – Peccato per la partenza, perché Sebastian era partito molto bene poi ha bloccato le ruote e ha perso delle posizioni. La scelta di differenziare le strategie è stata fatta man mano che la gara si svolgeva. Invertire la posizione dei piloti non è mai facile e pensiamo di averlo fatto nel momento giusto quando eravamo sicuri che chi era dietro avesse più ritmo rispetto a chi era davanti.”

Il leader della Scuderia Ferrari si è poi espresso anche in merito agli sviluppi portati dalla Rossa a Barcellona: “Gli aggiornamenti che abbiamo portato qui a Barcellona, sia di aerodinamica che di motore, hanno funzionato bene e ne siamo più che soddisfatti, ma hanno dimostrato di non esser sufficienti. Dobbiamo riflettere e analizzare cosa non ha funzionato. In questo senso credo che oggi non abbiamo una risposta precisa. Sappiamo che abbiamo molto da fare e che dobbiamo migliorare, questo weekend lo ha evidenziato in modo chiaro ma teniamo la testa alta. Lo spirito nel team rimane buono, la voglia di far bene tanta: dobbiamo rispondere con i fatti. Complimenti a Mercedes, per quello cha ha fatto fino ad ora”.

Immagine in evidenza: © Scuderia Ferrari Media Press

Non ci sono commenti