Guida alla Formula E 2017-2018
Tutto quello che c'è da sapere sul campionato elettrico, al via della sua quarta edizione.




30 Nov 2017 - 16:26

Mentre i principali campionati motoristici mondiali si sono conclusi o devono giungere al termine, la Formula E è pronta a riaccendere i motori in questo weekend, con le prime due gare dell’annata 2017-2018 tra le strade del porto di Hong Kong. Dopo il finale thrilling della passata stagione, che ha decretato Lucas Di Grassi come campione della Formula E, saranno molti i piloti che cercheranno di strappare il trofeo dalle mani del brasiliano dell’Audi lungo le 14 gare (in 11 paesi) attorno al globo.

Il calendario, come già detto, vedrà la sua tappa iniziale ad Hong Kong questo weekend del 2-3 dicembre, per poi finire il 28-29 luglio 2018 a Montreal, in Canada. Rispetto alla passata stagione saranno tre le nuove località, con Santiago (Cile), Roma (Italia) e Zurigo (Svizzera) che entrano per la prima volta in Formula E (doveva esserci anche San Paolo in calendario, ma le autorità brasiliane hanno deciso di rinunciare alla gara per motivi burocratici), mentre escono di scena le gare a Buenos Aires e Montecarlo. Molto importante per il nostro paese sarà la gara del 14 aprile 2018, con le monoposto elettriche che sfrecceranno tra i palazzi e i monumenti dell’EUR per la prima edizione del RomeEPrix. Un’occasione fondamentale, oltre al Gran Premio d’Italia di Formula 1, per rilanciare il motorsport in Italia e l’immagine della città di Roma.

CALENDARIO FORMULA E 2017/2018

  • Hong Kong ePrix – 2/3 dicembre 2017
  • Marrakesh ePrix – 13 gennaio 2018
  • Santiago ePrix – 3 febbraio 2018
  • Mexico City ePrix – 3 marzo 2018
  • Rome ePrix – 14 aprile 2018
  • Paris ePrix – 28 aprile 2018
  • Berlin ePrix – 19 maggio 2018
  • Zurich ePrix – 10 giugno 2018
  • New York City ePrix – 14/15 luglio 2018
  • Montreal ePrix – 28-29 luglio 2018

Italia che, tra l’altro, tornerà ad essere presente sulla griglia di partenza della Formula E grazie ai debutti di Luca Filippi ed Edoardo Mortara (anche se quest’ultimo ha deciso di correre con la licenza svizzera), che hanno firmato rispettivamente con la NIO e la Venturi. Ma le novità non si fermano qui, visto che il campionato elettrico vedrà sui blocchi di partenza dei nomi molto importanti del panorama dell’endurance: infatti, dal WEC arrivano due vincitori della 24 ore di Le Mans del calibro di André Lotterer (Techeetah) e Neel Jani (Dragon) e Kamui Kobayashi (Andretti), che torna alla guida di una monoposto dopo la chiusura della sua parentesi in Formula 1 nel 2014 con la Caterham.

A differenza dell’anno scorso, cambia la rete televisiva che trasmetterà le gare della Formula E in Italia: infatti, Rai Sport molla il campionato elettrico, che finisce nelle mani di Mediaset. Italia 1 e Italia 2 trasmetteranno in chiaro e in diretta tutte le sessioni di qualifica e gara della Formula E, che potranno essere visibili anche su Eurosport.

 

TEAM, PILOTI E MONOPOSTO DELLA FORMULA E 2017-2018

AUDI SPORT ABT SCHAEFFLER

e-tron FE04

Lucas Di Grassi #1

Daniel Abt #66

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MS&AD ANDRETTI

Andretti ATEC-03

Antonio Felix Da Costa #28

Kamui Kobayashi #27

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DS VIRGIN RACING

DS Virgin DSV-03

Sam Bird #2

Alex Lynn #36

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DRAGON RACING

PENSKE EV-2

Jerome D’Ambrosio #7

Neel Jani #6

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PANASONIC JAGUAR RACING

Jaguar i-Type 2

Nelson Piquet Jr #3

Mitch Evans #20

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MAHINDRA RACING

Mahindra M4ELECTRO

Nick Heidfeld #23

Felix Rosenqvist #19

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NIO FORMULA E TEAM

NextEV NIO Sport 003

Oliver Turvey #16

Luca Filippi #68

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RENAULT e.DAMS

Renault Z.E. 17

Sebastien Buemi #9

Nico Prost #8

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TECHEETAH

Renault Z.E. 17

Jean-Eric Vergne #25

André Lotterer #18

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VENTURI

Venturi VM200-FE-03

Maro Engel #5

Edoardo Mortara #4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non ci sono commenti