Hamilton chiude al comando le prime libere in Ungheria. Red Bull e Ferrari a un decimo
02 Agosto 2019 - 12:44
|
GP Ungheria

Il fine settimana ungherese inizia con la migliore prestazione di Lewis Hamilton fatta registrare nelle Prove Libere 1. Il leader della classifica ha segnato il suo tempo in 1:17.233 con gomme soft. Il crono è stato registrato poco prima che uno scroscio di pioggia si abbattesse sul circuito magiaro, nella prima metà della sessione.

Dietro di lui, a poco più di un decimo e mezzo, Max Verstappen e Sebastian Vettel in seconda e terza posizione. I primi due piloti arrivati sul traguardo di Hockenheim, sono separati da solo un millesimo a favore dell’olandese. I due hanno registrato il proprio tempo in una fase successiva della sessione, rispetto a quello del battistrada.

Quarto tempo per Pierre Gasly a tre decimi dal compagno di squadra, mentre Charles Leclerc, sesto, è staccato di quasi un secondo da Hamilton. Tra i due si è posto Kevin Magnussen con la prima delle Haas. Settimo Nico Hulkenberg, seguito dalle due McLaren di Lando Norris e Carlos Sainz. Lo spagnolo ha chiuso in anticipo la sua sessione a causa di un problema nel sistema di raffreddamento della sua MCL34. A chiudere la top ten è Kimi Raikkonen con la prima delle Alfa Romeo.

Inizio in salita per gli outsider della Germania, ovvero Toro Rosso e Racing Point. Mentre il team di Faenza ha chiuso 13° con Kvyat e 14° con Albon, quello anglo-canadese vede Perez 15° e Stroll 18°. I due piloti in rosa sono stati protagonisti di diversi testacoda nel corso della sessione, a causa dell’asfalto umido.

Sedicesimo tempo per Antonio Giovinazzi che ha occupato la prima parte della sessione sperimentando le novità aerodinamiche portate da Alfa Romeo. La sua C39 è stata cosparsa del tradizionale liquido fluorescente per studiarne i flussi.

Ultimo posto senza tempo per Valtteri Bottas, il quale ha accusato un problema alla sua power unit. Il finlandese ha effettuato solo due giri di ricognizione, prima di dover scendere dalla sua W10.

Immagine in evidenza: ©



Non ci sono commenti