La Red Bull scarica Pierre Gasly dopo solo 12 gare. Alexander Albon sarà il sostituto
12 Agosto 2019 - 12:27
|
Il francese perde il posto nel team principale dopo appena 12 gare. Non all'altezza i suoi risultati




La mancata performance di Pierre Gasly nell’anno del debutto in Red Bull era nota a tutti. Nonostante sia Christian Horner, sia Helmut Marko avevano confermato che il francese mantenesse il sedile della RB15 fino a fine stagione, come un fulmine a ciel sereno, è appena arrivata la smentita. A partire dal Gran Premio di Spa del 1° settembre, il transalpino non affiancherà più Max Verstappen in Red Bull.

Il team di Milton Keynes ha deciso di spodestare Gasly dalla seconda vettura austriaca, affidandola all’esordiente Alexander Albon, che in Formula 1 ha corso appena 12 gare. Nonostante in Toro Rosso, al momento attuale, Daniil Kvyat abbia mostrato molto di più, rispetto al thailandese, conquistando anche un podio, il management ha deciso di promuovere il 23enne al fianco del pilota olandese.

Al momento l’anglo-thailandese manterrà il sedile solo per le nove gare conclusive della stagione 2019. Nel corso di questo finale di campionato, Albon dovrà dimostrare il suo valore a Horner e al Dr. Marko, per poter ottenere la riconferma anche per il 2020. Intanto Pierre Gasly fa il suo ritorno in Toro Rosso, diventando il secondo pilota ad essere retrocesso nel team faentino, dopo Daniil Kvyat, suo nuovo compagno di squadra.

Immagine in evidenza: © Aston Martin Red Bull Racing Team - Twitter



Non ci sono commenti