Leclerc: “Difficoltà con gomme anteriori. Avversari molto forti”. Vettel: “Forse siamo al livello di Red Bull”
12 Luglio 2019 - 21:04
|
GP Gran Bretagna
Le dichiarazioni dei piloti della Ferrari al termine della prima giornata del Gran Premio di Gran Bretagna




Il fine settimana britannico della Ferrari è iniziato in salita durante le prove libere 1, ma Charles Leclerc ha tentato di rimediare nel corso delle seconde. Almeno sul piano della simulazione qualifica, in cui le Rosse sembrano vicine alle Mercedes. Più in difficoltà invece è la situazione del passo gara, in cui la SF90 non sembra molto a suo agio. Il punto debole della vettura è il terzo settore, che riprende il mood già visto a Barcellona due mesi fa.

“Non è stata una giornata facile. Abbiamo faticato con le nostre gomme anteriori durante le simulazioni di gara e ora dobbiamo lavorare per cercare di capire come possiamo migliorare la nostra performance. Il nostro ritmo in configurazione da qualifica invece sembra non essere male.” ha affermato Charles Leclerc.

“Sappiamo che i nostri rivali sono molto forti e che probabilmente mostreranno il proprio potenziale solo più avanti nel corso della qualifica. Daremo il massimo per cercare di essere il più competitivi possibile. Domani avremo di sicuro un quadro più chiaro dei valori in campo”.

Sebastian Vettel ha dapprima commentato i lavori fatti pochi mesi fa sul circuito di Silverstone: “Il nuovo asfalto mi sembra molto più omogeneo rispetto al precedente, il grip è maggiore e di conseguenza anche il piacere e il divertimento al volante.”

In merito al lavoro odierno, non si sbilancia molto sulla simulazione qualifica, ma ha analizzato il passo gara: “I tempi di oggi non credo siano molto rappresentativi, come spesso accade al venerdì, ma mi pare evidente che i nostri principali avversari siano molto forti e possano essere il riferimento per il weekend.
Sembra che abbiamo prestazioni analoghe a quelle Red Bull ma non è facilissimo esprimere un giudizio anche perché noi abbiamo provato alcune parti sulla nostra macchina. Dobbiamo aspettare domani per saperne di più”.

Immagine in evidenza: © Scuderia Ferrari Media Press



Non ci sono commenti