Nicholas Latifi trionfa in Gara-1 e allunga nel mondiale
11 Maggio 2019 - 18:25
|
Gran gara del pilota canadese ma prova di forza clamorosa di Luca Ghiotto




La Formula 2 inizia il suo tour europeo nel segno del leader del mondiale Nicholas Latifi, vincitore di Gara-1 qui sul circuito del Montelò. Completano il podio Aitken e Zhou, mentre Luca Ghiotto conclude quarto dopo una straordinaria rimonta dall’ultima posizione.

Proprio l’italiano, autore della pole positione, parte malissimo e perde 6 posizioni nei primi metri della gara. Poi, in curva 10, viene centrato da Boccolacci (bloccaggio del posteriore in frenata) ed è costretto a rientrare ai box per sostituire ala anteriore e gomme. Da lì inizia una rimonta frosennata, culminata col sorpasso ai danni di De Vries al penultimo giro. Purtroppo Ghiotto non è riuscito a far suo il giro veloce a causa di King, che ha montato le soft a pochi giri dalla fine.

Prima parte di gara abbastanza caotica ma nel segno del cinese Zhou, che con una partenza da maestro si porta in testa e riesce a tenere dietro Latifi e De Vries. Contatti al via: subito fuori Giuliano Alesi, mentre foratura per Mick Schumacher che rientrerà davanti a Ghiotto ma concluderà fuori dalla top 10 a causa di un secondo contatto con Correa al giro 29. La girandola dei pit inizia dopo 7 giri: rientrano subito Zhou e Latifi, un giro dopo tocca a De Vries, po ad Aitken. Bellissima la lotta tra questi ultimi, con l’olandese che inizialmente la spunta sul britannico ma poco dopo dovrà alzare bandiera bianca. Problemi per Sette Camara, costretto al ritiro. Restano fuori Hubert, King e Boshung partiti con gomme dure, che termineranno rispettivamente sesto, settimo (con giro veloce) e decimo. Ritirato anche Mazepin quando era in decima posizione.

Il momento chiave è al giro 31, quando Latifi riesce a passare Zhou e ad andare in testa, mentre il cinese verrà sopravanzato anche da Aitken a 4 giri dalla fine. Tutta la gara è però caratterizzata dal ritmo indiavolato di un Ghiotto molto sfortunato, ma comunque in grado di reagire e superare uno ad uno i suoi rivali. Se ci fossero stati un paio di giri in più non avrebbe avuto problemi nel centrare il podio e, forse, anche la seconda posizione.

Con i se e con i ma non si va da nessuna parte però, ed infatti ora la classifica vede Latifi in fuga, seguito da Aitken (a 26 punti) e Ghiotto (a 32). Il pilota canadese si è confermato estremamente costante e veloce nonostante una prima parte di gara dove ha patito il ritmo di Zhou.

Ora, per lo Sprint Race di domani, l’attesa è alta: appuntamento alle 11 e 30.

Immagine in evidenza: © F2 / Official Twitter



Non ci sono commenti