Pagelle Abu Dhabi | Hamilton, Vettel e Verstappen al top: disastro Bottas. Gracias Fernando




GP Abu Dhabi
26 Novembre 2018 - 17:06

Lewis Hamilton, voto 10 e lode – Dominatore assoluto del weekend e della seconda parte del campionato, Lewis non ha avuto rivali e ha vinto in scioltezza anche l’ultima gara della stagione. Poche parole per definirlo, ha sempre fame di vittorie nonostante quella di Abu Dhabi non assegnasse assolutamente niente. Un tassello in più verso l’ormai prefissato record di Schumacher.

© Facebook Mercedes Etherington-Ripke-Wilhelm

Sebastian Vettel, 9 – Conclude al top una stagione difficile. Prendere Hamilton era pressoché impossibile, ma è stato bravo a sbarazzarsi di un Bottas in crisi ad Abu Dhabi. Sarebbe stata importate una vittoria in questo finale di campionato (non vince da Spa, fine agosto) ma lo vediamo più tranquillo. Speriamo di rivederlo a Melbourne con la stessa fame di inizio 2018.

© www.ferrari.com

Max Verstappen, 9 – Altra grande gara dell’olandese. Dopo una brutta partenza e i soliti problemi al motore, rimonta alla grande compiendo un super sorpasso ai danni di Bottas. Il Verstappen post Monaco è un altro pilota, più concreto e meno dannoso per gli avversari soprattutto. Di questo passo e con una macchina all’altezza potrà scrivere pagine importanti nella storia di questo sport.

© Getty/Red Bull Content Pool

Daniel Ricciardo, 7 – Si congeda dalla Red Bull con una buona prestazione. Ha cercato quantomeno un podio, ma da Monaco in poi la sua stagione è stata maledetta. Ha messo da parte le polemiche dopo il Messico e si è concentrato sul finale di campionato da grande professionista quale è. Adesso testa sotto con la Renault, sperando di riportare in alto un grande marchio e di togliersi quelle soddisfazioni che meriterebbe. Il tempo stringe.

Valtteri Bottas, 4.5 – Stagione fondamentalmente da dimenticare: nemmeno una vittoria e quinto posto nel mondiale. E’ il peggior risultato per un pilota Mercedes da quando siamo entrati nell’era ibrida nel 2014. L’anno prossimo dovrebbe essere il suo ultimo da pilota delle Frecce d’Argento, visto che avrà la presenza di Ocon praticamente in ogni weekend. Riuscirà a tirare fuori gli artigli o sarà ricordato per sempre come un maggiordomo?

Carlos Sainz, 7.5 – Bella prestazione per la sua ultima gara in Renault. Si piazza dietro ai top e tiene a bada i contendenti alle spalle. Obiettivamente la macchina francese è stata la migliore tra i team presenti a centro gruppo. Lui si è ripreso nelle ultime settimane, ma è staccato di 16 punti da Hulkenberg. Comunque, va in McLaren con il sorriso dopo un anno e mezzo tutto sommato positivo in Renault.

© Press Alfa Romeo Sauber F1 Team

Charles Leclerc, 7 – Che peccato! Si trovava in quarta posizione prima della VSC causata da Raikkonen, ma ha anticipato troppo la sosta. Fosse rimasto in pista più a lungo probabilmente avrebbe potuto ottenere un risultato straordinario. Sa tanto di occasione mancata per lui e per la Sauber, ma per il prossimo anno entrambi punteranno a qualcosa di più grosso. In bocca al lupo.

Sergio Perez, 6.5 – Ha conquistato i punti necessari per tenere dietro l’Alfa Sauber nel mondiale costruttori. Stagione travagliata per lui e la Force India, spera di poter dare e fare di più l’anno prossimo.

Romain Grosjean, 6.5 – Incolpevole nell’incidente con Hulkenberg, chiude in nona posizione davanti al compagno di squadra, ma nel contesto le ha prese di brutto da Magnussen.

Kevin Magnussen, 6 – Discorso inverso ovviamente per il danese.

Fernando Alonso, 7 – Fuori dai punti per via di numerose penalità, ma anche stesso non sarebbe arrivato davanti a una delle Haas. Si congeda dalla Formula 1 con una prestazione di carattere e un omaggio bellissimo da parte di altri campioni come Vettel e Hamilton. Mancherà a questo sport, speriamo di rivederlo in pista presto e non solo in altre categorie: siamo sicuri che non sia un addio.

© Sam Bloxham/McLaren press

Brendon Hartley, 6 – Potrebbe non essere un addio nemmeno quello di Hartley, dodicesimo e positivo nell’ultima parte di stagione nonostante i tantissimi problemi legati sia alla macchina che alla power unit. Ha ancora un anno di contratto, ma potrebbe non bastare.

Lance Stroll, 5 – Ah, correva? (Cit.)

Stoffel Vandoorne, 5.5 – Grintoso, ma non basta.

Sergey Sirotkin, 4 – Ah, correva anche lui? (Cit.)

“Signori, anche per quest’anno termina l’appuntamento con le pagelle. La prossima settimana saremo online con il pagellone di fine anno, ma nel frattempo vi ringraziamo per averci seguito anche in questo 2018. See you in Melbourne, mancano solo 111 giorni”.

G. M.

Immagine in evidenza: © Sam Bloxham/McLaren press

© Scuderia Ferrari Media Press

Non ci sono commenti