Problemi di sicurezza in Brasile, la Force India pensa a misure extra




07 novembre 2018 - 0:36

Box Force India in Brasile nel 2017

In Brasile, si sa, nel paddock non si vive tranquilli al 100%. Negli anni sono noti i problemi derivati dai delinquenti che hanno causato grosse magagne al personale dei team e non solo. Lo scorso anno addirittura alcuni membri della Mercedes sono stati derubati con tanto di pistole puntate addosso. Una situazione che l’organizzazione cerca di evitare ogni anno, ma puntualmente qualcosa va storto. L’anno scorso infatti McLaren e Pirelli non hanno svolto i test programmati nei giorni successivi al Gran Premio per motivi legati alla sicurezza, con un tentativo di furto in un van della casa italiana prontamente sventato dalla security. In tal senso la Force India, non proprio serena evidentemente ha deciso di tutelarsi parlando con gli organizzatori e le autorità brasiliane affinché la polizia rimanga nel circuito più a lungo rispetto al passato.

“Abbiamo parlato coi promotori e le autorità locali – ha detto il team principal della Force India Otmar Szafnauer –  e ci dovrebbe essere una presenza maggiore di personale di sicurezza. La polizia non andrà via prima di noi, ci sarà uno sforzo maggiore da parte di tutti. Stiamo esaminando alcune misure di sicurezza: siamo stati fortunati nel corso degli anni, perché a noi non è capitato niente”.

Non ci sono commenti