Quattro chiacchiere con Davide Valsecchi
27 Febbraio 2019 - 12:55
|




Il 25 febbraio Sky Sport ha presentato la stagione motori 2019, casa del motorsport da oltre cinque anni, quest’anno con tante novità dal punto di vista dei campionati offerti. Come ogni anno, noi di motorsportitalia.net eravamo presenti, strappando quattro chiacchiere con i protagonisti che sentiremo in cabina di commento o che ci intratterranno dai box e dai paddock di tutto il mondo. In ambito Formula 1 abbiamo ascoltato il campione GP2 del 2012, Davide Valsecchi.

Ciao Davide. La scorsa stagione abbiamo visto un lotta serratissima tra Vettel e Hamilton, tra Ferrari e Hamilton. Purtroppo gli errori di Sebastian hanno compromesso la lotta fino alla fine. Tu pensi che quest’anno vedremo una Ferrari competitiva, come visto dai test, e riuscirà secondo te a portare a casa il titolo?
Ciao ragazzi! Sì, sarà competitiva, questo è sicuro. Sul fatto del titolo, sai c’è da battere la Mercedes che è fortissima e affidabilissima come negli anni passati ed Hamilton che è un grandissimo talento, che ha dimostrato negli ultimi anni di essere il pilota migliore di tutti. Quest’anno però Ferrari è partita benissimo, ha sostituito Raikkonen con Leclerc, che è giovane, affamato di vittorie, ed è talentuosissimo. Secondo me, quella mossa sarà la mossa vincente perché aiuterà Vettel a spingere e concentrarsi di più perché sarà obbligato a ottenere risultati, perché altrimenti sarà difficile essere una prima guida con uno così di fianco, perciò sì, secondo me sarà il suo anno.

Tu sei il rappresentante dei piloti vittoriosi GP2 qui a Sky. Vediamo tanti campioni, chi ha sfiorato il titolo per poco come Leclerc e Verstappen, oppure Giovinazzi che torna in Formula 1 dopo la breve esperienza in Sauber due anni fa. Pensi che daranno del filo da torcere ai loro blasonati compagni di squadra come Vettel, Verstappen e Raikkonen?
Uno che batterà il suo compagno di squadra? Giovinazzi. Almeno, fossi in lui lo spererei perché Raikkonen correva in Ferrari, è passato ad Alfa Romeo, e quindi la decisione e la cattiveria di Giovinazzi prevarranno. Per Gasly è più complicato, perché Verstappen è un talento stratosferico. Su Leclerc… ha qualche possibilità, ma Vettel è uno dei migliori qualificatori della storia, ha vinto quattro titoli mondiali. Sai, per scalzare un campione del genere devi fare un gran colpo. Glielo auguro, ma sarà difficile.

Per Ricciardo nuova vita in Renault, che però non è un team come Red Bull. Sappiamo che Daniel è un tuo amico. Cosa gli auguri, cosa speri che riesca a conquistare quest’anno?
Spero possa lottare spesso per il podio spesso, perché lui sul podio è eccezionale. Se consideriamo la situazione di due Mercedes, due Ferrari e due Red Bull… beh non sarà facile. Il suo compagno di squadra non ha mai fatto un podio, la Renault da quanto è tornata in Formula 1 come team non ne ha mai fatti. A loro serve il talento di Ricciardo, ora ce l’hanno quindi spero bene per lui.

In Formula 2 quest’anno vedremo Mick Schumacher. Un talento, come visto nella F3 europea, con un grande cognome sulle spalle. Riuscirà a mantenere la mente fredda e non pensare al fatto che si chiami Schumacher? Riuscirà a mostrare il meglio fin da subito?
Spero. Ti dico una cosa in più. Durante l’inverno si è “ammazzato” di test, quindi oltre ad avere un gran nome e avere soldi a palate, perché sponsorizzato da mezza Germania, è anche uno che si dedica al 200%. Il nome un po’ lo ha aiutato, però ha già vinto due campionati: Formula 4 e Formula 3 europea l’anno scorso. Io dico che quelli che vincono mi piacciono sempre e lui è uno di quelli che ha vinto. Non so se riuscirà da subito a vincere in Formula 2, ma si sta sforzando per farlo. Guida per un team forte e sarà uno dei candidati per la vittoria. Che vinca non è garantito, ma che lui sia un bravo pilota è stato già confermato dai risultati.

A cura di Marco Colletta e Roberto Valenti
Immagine in evidenza: © motorsportitalia.net



Non ci sono commenti