Red Bull giura che ci sarà parità di trattamento fra i piloti nel 2019
Horner: "Non saranno fatti favoritismi"




30 Dicembre 2018 - 14:30

Pierre Gasly non dovrà temere di vedere sacrificata la sua crescita e la possibilità di ottenere risultati importanti per favorire il compagno di squadra Max Verstappen. La Red Bull nelle ultime settimane ha voluto ribadire fortemente questa convinzione, garantendo a Gasly un totale supporto morale e tecnico in vista della sua prima stagione con la squadra.

“Il primo pilota nel team è quello che è davanti in campionato – ha spiegato Chris Horner – Questa è la nostra semplice regola. Operiamo in modo tale da far sì che non ci siano favoritismi nel team fra un pilota e l’altro. Anche Ricciardo può dirvi molto tranquillamente che la situazione è questa”.

Helmut Marko, talent scout della Red Bull, a Motorsport Magazin aveva espresso concetti simili: “E’ chiaro che Gasly dovrà conformarsi alle nostre regole, ed è evidente che Verstappen ha più familiarità con la squadra. Gasly è libero di fare la sua corsa e di esprimere il suo potenziale. Per noi lui e Max sono uguali e avranno parità di trattamento”.

Immagine in evidenza: ©Scuderia Toro Rosso/Official Facebook

Non ci sono commenti