Straordinario Verstappen! Prima pole in carriera davanti a Bottas ed Hamilton, poi Leclerc e Vettel
03 Agosto 2019 - 16:28
|
GP Ungheria
Clamorosa prima pole position per Max Verstappen all'Hungaroring! Record della pista disintegrato; dietro di lui Bottas, Hamilton e le Ferrari di Leclerc e Vettel

Finalmente è arrivato il suo momento: Max Verstappen conquista la sua prima pole position in carriera all’Hungaroring. Un 1’14″572 che sa di clamoroso, soprattutto perchè la sua Red Bull è sembrata una macchina perfetta in grado di viaggiare su due binari senza mai scomporsi. Dopo l’olandese un’altra sorpresa: Valtteri Bottas davanti a Lewis Hamilton e staccato di soli 18 millesimi da Max. Male le Ferrari, in quarta e quinta posizione con Charles Leclerc davanti a Sebastian Vettel, ma staccate di quasi mezzo secondo dalla RB #33. Completano la top ten l’altra Red Bull di Gasly, a quasi un secondo dal compagno di squadra, poi Norris, Sainz, Grosjean e Raikkonen.

Q1 – Grande spavento in casa Ferrari: Leclerc già qualificato va a muro in uscita dall’ultima curva. Fortunatamente nessuna grave conseguenza ma tanto lavoro per i meccanici che hanno dovuto sostituire l’ala posteriore, riuscendo a rimettere in pista il monegasco per il Q2. Considerando il botto, è quasi un miracolo che Charles sia riuscito a continuare la qualifica. Gli eliminati: Russell, autore di un giro fantastico considerando la sua Williams (soli 73 millesimi da una clamorosa Q2), Perez, un pessimo Ricciardo, Stroll e Kubica.

Q2 – I top team si qualificano con le gialle per avere una gara su un’unica sosta, caldo permettendo. Nessun colpo di scena: fuori Hulkenberg, le Toro Rosso di Albon e Kvyat, il nostro Giovinazzi (sotto investigazione per impending nei confronti di Stroll durante il Q1) e Magnussen, su una Haas che non sembra digerire minimamente gli aggiornamenti (Grosjean corre infatti con una vettura quasi senza evoluzioni).

Questa la classifica completa delle qualifiche:

F1 / Official Twitter

 

Immagine in evidenza: © Aston Martin Red Bull Racing / Official Twitter



Non ci sono commenti