Test Losail – Day 2 | Rins scalza Vinales dalla vetta
Posizioni invertite tra i due spagnoli rispetto al Day 1. Sorpresa Quartararo, 3°. Risale Marquez, 5°, molto indietro Rossi, solo 19°




24 Febbraio 2019 - 20:32

Il Day 2 dei test in Qatar si chiude con la splendida prestazione di Alex Rins. L’alfiere Suzuki, ieri secondo, ha invertito le posizioni con il suo connazionale Vinales, chiudendo il secondo giorno davanti a tutti. 1.54:593 il riferimento cronometrico dello spagnolo, un tempo molto interessante se si considera che tutti sono ancora in configurazione test. Seconda posizione quindi per il dominatore del Day 1, Maverick Vinales, che in ogni caso si è confermato nei piani alti della classifica, mettendo chiaramente in ombra il suo team-mate, relegato nei bassifondi della classifica. Chiude il podio virtuale una piacevole sorpresa, Fabio Quartararo. Il rookie, in sella alla Yamaha del team Petronas, sopravanza ancora una volta di ben 7 decimi il compagno di squadra Morbidelli, 13°, mostrando una grande confidenza in modalità time attack.

© motogp.com

Quarto posto per Danilo Petrucci, miglior Ducati di giornata. Il ternano ha provato una carena dotata di spoiler, posto vicino alla ruota anteriore, già provata ieri da Miller, oltre ad un carter aerodinamico montato sulla ruota anteriore. Quinto posto per un redivivo Marc Marquez. L’epta-Campione del Mondo, oltre a mostrare notevoli segni di ripresa, ha portato in pista un nuovo tipo di carena, con la quale tra l’altro ha fatto segnare il suo miglior tempo. Grande balzo in avanti per Aleix Espargaro, 6° a poco meno di 6 decimi dalla vetta, davanti al giapponese di casa LCR Takaaki Nakagami.

© motogp.com

Ottavo tempo per Andrea Dovizioso. Sulla Ducati del forlivese si è vista per la prima volta la carena in stile “Ufo Robot”, questa volta verniciata. Chiude nono Crutchlow davanti a Pol Espargaro. Tra i rookies sotto Quartararo è ancora una volta Mir ad avere la meglio su Bagnaia e Oliveira. Indietro Lorenzo, 18°. Delude molto Valentino Rossi, 19°, ad un secondo e due dalla vetta.

Immagine in evidenza: © motogp.com

Non ci sono commenti