Toyota inattaccabili nelle prime libere di Sebring
Lopez firma il nuovo record della pista precedendo la gemella di Alonso. Dominio Aston Martin in Gt con le Ferrari ad inseguire




14 Marzo 2019 - 19:29

A Sebring è ufficialmente iniziato il fine settimana del FIA WEC, pronto a riaccendere i motori dopo la lunga pausa iniziata a novembre con la 6 ore di Shanghai. Le prime libere della 1000 Miglia che si disputerà in Florida sono andate, come di consueto, alle due Toyota. Jose Maria Lopez, sulla TS050 Hybrid #7, ha staccato il miglior tempo nella sessione notturna in 1’41”730. Si tratta anche del nuovo record ufficiale della pista, battendo di quasi 3 secondi quello dell’Audi di Fassler nel 2013. All’inseguimento c’è la vettura gemella, la #8 che con Kazuki Nakajima aveva comandato la prima sessione in 1’41”957. In serata, è stato Fernando Alonso il migliore dell’equipaggio, ma lo spagnolo non è andato oltre un 1’42”262 che lo ha relegato a mezzo secondo di distanza dall’argentino.

Lontanissimi gli altri privi del sistema ibrido. Le Rebellion erano state al terzo e quarto posto nella prima fase, ma successivamente sono state spodestate dalle BR1-AER del team SMP Racing nel corso della notte. Il terzo tempo è infatti della #17 di Stephane Sarrazin, in 1’43”009. Solo 10 millesimi più indietro troviamo la #11 condotta da Brendon Hartley, al rientro nel mondiale endurance dopo l’esperienza in Formula 1 con la Toro Rosso. Piuttosto vicine le Rebellion, con la #3 di Thomas Laurent davanti alla gemella #1 di Mathias Beche. In classe LMP2, è stato Stephane Richelmi a marcare la miglior prestazione, sull’Oreca 07 Gibson #38 del Jackie Chan DC Racing. Il monegasco ha staccato il tempo di 1’47”716, davanti a De Vries e Lapierre.

Tra le GTE PRO, Aston Martin al top in entrambe le sessioni. Il miglior crono di giornata se lo è preso la #97 di Alexander Lynn, accreditato di un 1’57”792 che gli ha permesso di precedere per appena 33 millesimi la Ford #67 di Harry Tincknell. Seconda fila virtuale composta dalla #66 di Stefan Mucke e dalla Ferrari #51 di Daniel Serra. La rossa era apparsa in estrema difficoltà nel primo turno, ma è venuta fuori con le temperature più basse della notte. Porsche e BMW più attardate, ma la casa di Stoccarda si è rifatta in GTE AM con la #86 di Benjamin Barker al comando in 1’59”327. Nella notte ci saranno la terza sessione di libere e le qualifiche.

Immagine in evidenza: ©Toyota Racing Facebook Page

Non ci sono commenti