Vinales: “Sono davvero contento, il secondo posto era il massimo possibile”. Rossi: “Dobbiamo capire cosa non va”
07 Luglio 2019 - 20:34
|
GP Germania
Gara dai due volti per i piloti Yamaha, confermando la tendenza del'ultimo periodo che vede Maverick Vinales sugli scudi, mentre Valentino Rossi è in difficoltà




Ancora un podio per Vinales, ancora una gara difficile per Rossi. La gara del Sachsenring ha confermato gli stati di forma dei piloti Yamaha.

Maverick Vinales è stato l’ultimo ad arrendersi di fronte allo strapotere di Marc Marquez in Sassonia. Top Gun ha accusato solo 4 secondi rispetto al connazionale, un distacco risicato in confronto ai rivali. Lo spagnolo ha dichiarato è consapevole della sua prestazione, la migliore possibile oggi: “Abbiamo scoperto abbastanza presto questo fine settimana che il secondo posto sarebbe stato il meglio che avessimo potuto fare qui, quindi con questo in mente abbiamo raggiunto l’obiettivo. Per noi è davvero buono, il secondo posto è il mio miglior risultato qui”.

“Ho iniziato bene, ho fatto un buon primo giro. Questo risultato significa molto, mi prepara a Brno. Comprendiamo la strada da percorrere. La Yamaha sta funzionando in modo positivo e conosco i nostri punti di forza e di debolezza. È buono che abbiamo una pausa estiva per migliorare la moto e per migliorare me stesso. La scelta delle gomme è stata molto difficile, ho preso una scommessa con la dura perché ho lavorato la maggior parte del tempo con questo pneumatico. Ero al limite se potevo o non potevo finire la gara, e mi sono detto ‘Se devo rallentare negli ultimi dieci giri, lo farò, ma sarò in testa’. È molto importante per la Yamaha ottenere un primo e un secondo posto consecutivi“.

Infine una battuta sulla battaglia con Crutchlow: “Ho visto Cal sul mio pitboard per tutto il tempo e per circa quindici giri ho chiuso tutte le porte. Ho lavorato molto duramente per assicurarmi che non potesse sorpassarmi, perché sapevo che se l’avesse fatto, se ne sarebbe andato”.

Discorso ben diverso per Valentino Rossi, ottavo al traguardo e distante quasi 15 secondi dal compagno di squadra: “Non sono soddisfatto perché è stata una gara difficile, ho sofferto molto”, ha dichiarato. “Prima di tutto, abbiamo usato la media al posteriore perché Michelin ci ha detto che sarebbe stato impossibile gareggiare con le dure, ma ho avuto un sacco di scivolamento e poco grip, quindi questo è stato il primo problema”.

“Il problema più grande è che ad Assen in gara mi sentivo forte, quindi qui abbiamo provato a confermarlo, ma in realtà non ero molto veloce, non mi sentivo bene con la moto. Questo è un momento difficile, perché l’ultima volta qui, in questa parte del campionato, ero molto competitivo. Da Le Mans al Sachsenring avevo fatto delle belle gare. Quest’anno è stato molto più difficile, quindi dobbiamo capire meglio, perché non ho un grande feeling con la moto e non sono veloce come voglio”.

Immagine in evidenza: © motogp.com



Non ci sono commenti