Young Driver of the Week – Frederik Vesti
16 Aprile 2019 - 19:22
|




Bentornati con il terzo appuntamento stagionale con il Young Driver of the Week, lo spazio in cui andiamo a scoprire le nuove promesse dell’automobilismo che un giorno potremmo vedere in Formula 1.

Nel weekend della Domenica delle palme hanno avuto inizio due campionati propedeutici molto importanti e molto attesi nel panorama motoristico giovanile, come la Formula Renault Eurocup e la nuova Formula Regional European Championship, che va in qualche modo a sostituire la vecchia Formula 3 europea con un format che ‘semplifica’ il passaggio dalla Formula 4 alla F3, grazie anche ad una monoposto che si presenta come una via di mezzo tra le due categorie. Nel primo appuntamento al Paul Ricard il mattatore assoluto è stato Frederik Vesti: è lui il nostro Young Driver of the Week!

Il 17enne pilota danese in Francia ha conquistato due vittorie e un terzo posto, comportandosi molto meglio dei suoi due compagni di squadra alla Prema, il brasiliano della Ferrari Driver Academy Enzo Fittipaldi e l’inglese Olli Caldwell. I tre piloti della Prema in qualifica si sono spartiti le pole position conquistandone una a testa, ma in gara Vesti è stato il migliore della compagine italiana: in Gara1 Vesti si è portato al comando dopo poche curve grazie alla bagarre tra Caldwell e Fittipaldi, che partiva dalla pole position; il danese è andato in testa e non ha avuto problemi per l’intera corsa precedendo alla bandiera a scacchi Fittipaldi e Igor Fraga, nome noto del panorama eSports che ha chiuso Gara1 al terzo posto. Gara2 ha visto un dominio assoluto della Prema con Caldwell che dopo il quarto posto di Gara1 ha stravinto la seconda corsa dopo aver conquistato la pole position chiudendo davanti a Fittipaldi e allo stesso Vesti, che ha provato a passare Fittipaldi all’ultima curva ma senza successo, e con il quarto classificato, lo stesso Fraga, staccato di oltre sette secondi. Gara3 ha visto un dominio assoluto di Vesti che dalla pole position è stato al comando per tutta la corsa, eccezion fatta per il primo giro quando David Schumacher lo ha passato alla partenza prima di tornare facilmente in testa, confermandosi il migliore di questo weekend in Formula Regional. Alle sue spalle ha chiuso nuovamente Fittipaldi, che ha conquistato tre secondi posti al Paul Ricard, con Schumacher che ha chiuso il podio con il terzo posto. Quarto posto per Caldwell che al traguardo ha preceduto Sophia Floersch, che ha chiuso al quinto posto: dopo il cancellamento della Formula European Masters, la pilota tedesca questo weekend ha fatto il suo ritorno ufficiale in monoposto dopo lo spaventoso incidente che ha avuto nello scorso GP di Macao, che poteva costarle carissimo, ed è stato emozionante rivedere la bella Sophia in un weekend di gara, sempre con i colori della Van Amersfoort Racing.

E’ bastato un weekend di gare alla Prema per affermarsi come il team di punta del campionato, con Frederik Vesti che può ampiamente dire la sua nella lotta al titolo. Il danese ora comanda la classifica con 65 punti contro i 54 di Fittipaldi e i 49 di Caldwell, in difficoltà in gara rispetto ai due compagni di squadra. Vesti viene da un 2018 abbastanza positivo che lo ha visto protagonista nella Formula 4 ADAC tedesca con la Van Amersfoort Racing, conquistando 2 vittorie e 8 podi, su tutti la vittoria nella Gara1 di Hockenheim nel weekend corso in contemporanea con il Gran Premio di Germania di Formula 1 e che lo ha visto premiato addirittura da Toto Wolff. A fine stagione è tornato a correre ad Hockenheim nell’ultimo weekend della Formula 3 European Championship facendo subito bene con il 10° posto conquistato in Gara1, che però non gli ha permesso di conquistare l’ultimo punto disponibile in quanto ospite in quel weekend di gara. Ha avuto poi un altro assaggio di Formula 3 all’ultimo GP di Macao dove ha chiuso al 15° posto.

© Frederik Vesti / Official Twitter Page

Come detto all’inizio, lo scorso fine settimana ha preso il via anche la nuova stagione di Formula Renault Eurocup, che ha corso a Monza. Nel circuito di casa si è messo particolarmente in luce il nostro Leonardo Lorandi: il vice-campione della Formula 4 italiana ha trovato un posto all’ultimo istante con l’italiana JD Motorsport, e dopo i numerosi problemi subiti ai test invernali a Barcellona, al primo appuntamento ha subito fatto vedere tutto il suo talento chiudendo al secondo posto alle spalle del suo compagno di squadra Ugo De Wilde in Gara1, nonostante un problema con il display del volante che è andato in blackout, creandogli problemi nel cambiare marcia, cosa che ha dovuto fare d’istinto per tutta la gara senza l’aiuto delle lucine presenti sul volante; nonostante questo inconveniente, Lorandi è riuscito lo stesso a chiudere al secondo posto contenendo il recupero di Kush Maini alle sue spalle, con l’indiano che dopo aver eliminato Lorenzo Colombo alla prima variante dopo la partenza ha chiuso Gara1 al terzo posto. Nella bagnatissima Gara2 della domenica Lorandi ha chiuso al sesto posto, in una gara perennemente neutralizzata per i vari incidenti che hanno costretto la Safety Car a intervenire. Sotto il diluvio di Gara2 a vincere è stato il russo Alexander Smolyar (R-Ace), autore anche della pole position della gara sempre sul bagnato, che sul traguardo ha preceduto i due piloti della MP Motorsport Victor Martins e Lorenzo Colombo, terzo dopo non aver concluso la gara del sabato. La classifica dopo il primo round è molto corta, con Martins (quarto in Gara1) che comanda con 30 punti davanti a Lorandi che è secondo a 26 e che insieme a Maini è l’unico dei primi 5 ad aver ottenuto punti in entrambe le gare; seguono con una sola lunghezza di ritardo De Wilde, Smolyar e Maini, terzi a quota 25. Dietro di loro c’è Colombo, che con il podio conquistato in Gara2 è sesto in campionato a 15 punti, l’esatta metà del francese della Renault Sport Academy.

Immagine in evidenza: © Frederik Vesti / Official Twitter Page



Non ci sono commenti